Quante informazioni personali e riservate inviamo su mezzi digitali?

Smartphone, tablet, pc, email, siti web, social media sono strumenti di uso quotidiano e comune per tutti, sia nella vita privata sia in quella professionale. Spesso non siamo consapevoli della quantità di informazioni e dati, anche personali e riservati, che transita grazie a mezzi di tipo informatico.

Quando ci si trova in una situazione di contenzioso, la prima domanda da porsi è: quale e quanta parte della vicenda in esame coinvolge mezzi di comunicazione digitali?

Le prove informatiche sono la maggior parte delle volte volatili: trasformare uno smartphone o un pc in qualcosa dotato di valore in tribunale, in una camera di mediazione o anche in una semplice trattativa tra privati, non è semplice.

Individuare, raccogliere, conservare, gestire, analizzare e interpretare tracce digitali

Serve un’attività tecnico-investigativa finalizzata a individuare, raccogliere, conservare, gestire, analizzare e interpretare tracce digitali presenti all’interno di elaboratori o dispositivi elettronici. Ma non è ancora sufficiente. E’ necessario qualcuno in grado di mettere in relazione le prove con i fatti, le circostanze e le ipotesi.

Il nostro perito esperto in programmazione e quello specializzato in reti e attività sistemistiche possono effettuare analisi forense delle prove, perizie giurate, analisi tecniche preventive, perizie di parte e qualunque forma di assistenza al contenzioso in grado di supportare il vostro team legale nel far valere i vostri diritti